Città della scienza: il polo dell'innovazione di Napoli | LoveNaples
La Basilica di Santa Maria degli Angeli a Pizzofalcone
21 Febbraio 2018
Napoli VS Venezia
23 Febbraio 2018

Città della scienza: il polo dell’innovazione di Napoli

Fonte: artribune

di Silvia Semonella

Città della Scienza è uno dei tanti fiori all’occhiello della nostra città: un’iniziativa di promozione e divulgazione della scienza che si svolge a Napoli, all’interno di una struttura composta da un museo scientifico interattivo, un incubatore di imprese e un centro di formazione; è gestita dalla Fondazione IDIS – Città della Scienza e si trova nel quartiere Bagnoli.

La storia

Dopo una fase di sperimentazione, avviata nel 1987, con attività temporanee da un’idea di Vittorio Silvestrini, nacque la prima edizione di “Futuro Remoto”, che si svolse alla Mostra d’Oltremare.

A seguito del successo riscosso, dal 1989 al 1992 venne costituita la “Fondazione Idis” che promosse, nel 1996, in seguito ad un accordo con Ministero del Bilancio, Regione Campania e Comune di Napoli, proprio la costruzione di Città della Scienza.

Nel 2001 venne inaugurato il Science Centre nella sua configurazione finale e, nel 2003, il progetto apparve finalmente completo, con l’apertura del “Centro Congressi”, del “Centro di Alta Formazione” e del “Business Innovation Centre“. Era prevista anche la costruzione di un Museo Interattivo del Corpo Umano e di un Planetario, portati a compimento, però, solo nel 2016.

Il BIC

Il Business Innovation Centre (BIC) è lo strumento operativo di Città della Scienza per promuovere un nuovo paradigma di sviluppo sostenibile basato sull’economia della conoscenza, con l’obiettivo di contribuire alla re-industrializzazione della città metropolitana di Napoli, della Campania e del Mezzogiorno. Il centro opera secondo un approccio aziendale “a porte aperte”, si basa sulla collaborazione e sul social trust. Favorisce scambi di idee, di informazioni, di competenze e di contatti e contribuisce a formare un ambiente stimolante, creativo e ricettivo. Inoltre, è sede di numerosi eventi ed incontri tematici di formazione e approfondimento su temi di interesse per startup e imprese (nuove tecnologie, finanza, avvisi e bandi, ecc.). Ogni anno, la struttura è meta di visite da parte di rappresentanti istituzionali, locali e nazionali, nonché di delegazioni straniere, sia diplomatiche che imprenditoriali.

Il centro, dal 2013, è membro dell’EBN (European Business Network), di cui esprime la rappresentanza italiana, e costituisce parte fondamentale del cosiddetto triangolo della conoscenza di Città della Scienza, operando attraverso una struttura polifunzionale. Quest’ultima annovera un Ufficio di Internazionalizzazione, un Centro Internazionale di Trasferimento Tecnologico dedicato alla gestione e alla valorizzazione delle attività connesse al trasferimento tecnologico, un Ufficio Scouting e Opportunità che si occupa dell’individuazione delle opportunità di finanziamento sul piano internazionale, nazionale e regionale, un Centro di Formazione Avanzata, Servizi Specialistici alle Imprese, il D.RE.A.M. FabLab (grande laboratorio/officina e centro di sperimentazione dedicato alle nuove tecnologie di fabbricazione digitale e all’innovazione dei processi produttivi e distributivi) e un’Area Industria della Conoscenza per la post-Incubazione.

L’incendio

Il 4 Maggio del 2013, un vasto incendio doloso ha distrutto quattro dei sei capannoni di Città della Scienza, corrispondenti all’intero Science Centre. A seguito del disastro, venne inaugurata una piattaforma di crowfunding per raccogliere fondi per la ricostruzione e numerosi intellettuali, tra cui Claudio Abbado, Renzo Piano, David Gross e alcuni fisici del CERN, si unirono al comitato costituitosi per operarla.

Attualmente i lavori hanno subito una battuta di arresto in seguito al progetto di riqualificazione dell’area di Bagnoli; nonostante ciò, Città della Scienza continua a resistere e ad essere un punto di riferimento per gli amanti della scienza provenienti da tutta Italia.

Fonte: youtube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: