La Metropolitana di Via Toledo: i cittadini vivono l'arte | LoveNaples

La Metropolitana di Via Toledo: i cittadini vivono l’arte

Il Duomo di Amalfi: perla del Mediterraneo
16 Aprile 2018
Oliva, Concettina ai Tre Santi: un miracolo culinario nel Rione Sanità
16 Aprile 2018

La Metropolitana di Via Toledo: i cittadini vivono l’arte

Fonte: youtube

di Alessia Giannino

La metropolitana di Via Toledo è sicuramente una vera e propria opera d’arte tant’è che, nel 2013, si è aggiudicata l’Emirates Leaf International Award come Public building of the year e, successivamente, il premio ITA – International Tunnelling Association, ovvero l’Oscar delle opere in sotterraneo.

È impossibile, ormai, non conoscere la stazione Toledo, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets Blanca e inaugurata nel 2012. È stata definita dal giornale inglese Daily Telegram: “La più bella d’Europa”.

Lo scenario

Incanta ogni giorno migliaia di cittadini e turisti per la sua scenografia e le sue diverse tonalità, con una serie di riferimenti al paesaggio e all’architettura locali. Scendendo nella stazione è possibile notare i diversi livelli della terra, fino ad arrivare al mare, e il tutto è impreziosito dai mosaici di William Kentridge, che fanno riferimento ai miti mediterranei, al Vesuvio e all’iconografia napoletana. Inoltre, ci sono anche i pannelli lenticolari di Bob Wilson, che riproducono le onde del mare.

La stazione è profonda 50 metri e, al suo interno, conserva notevoli testimonianze del passato della città di Napoli emerse durante gli scavi: dal primo suolo arato del Paleolitico alle mura di epoca aragonese, restaurate e integrate con quelle che oggi sono le finiture della stazione stessa.

La stazione di Toledo è sicuramente un grande esempio di arte e design, ma anche di storia. Può essere considerata un museo a “cielo aperto”, al quale possono accedere tutti. Oltre che per il suo valore artistico, però, è stata anche premiata per la tecnologia innovativa utilizzata nella realizzazione dello scavo e per la riqualificazione del territorio, che ha permesso l’apertura della fermata nella zona dei Quartieri Spagnoli.

Se ancora non ci siete passati, vi consigliamo di rimediare al più presto. Di sicuro non ve ne pentirete!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: